18 Maggio 2020

In data 17.05.2020 è stato firmato il nuovo DPCM, contenente le indicazioni indicate di seguito:

DECRETO "RIAPERTURA" - FASE 2
IN VIGORE DAL 18 MAGGIO SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE

Cessano di avere effetto tutte le limitazioni di circolazione all'interno della REGIONE.
All'interno della regione non occorrerà più avere una ragione specifica per spostarsi e non servirà più l'autodichiarazione.

Fino al 2 giugno sono vietati gli spostamenti (con mezzi pubblici e PRIVATI) in una regione diversa da quella in cui ci si trova;

Le uniche motivazioni di spostamento in una regione diversa sono:
● COMPROVATE ESIGENZE LAVORATIVE
● ASSOLUTA URGENZA
● MOTIVI DI SALUTE

In ogni caso, è sempre consentito il rientro presso il proprio:
● DOMICILIO
● ABITAZIONE
● RESIDENZA

Fino al 2 giugno sono vietati gli spostamenti da e per l'estero sia con mezzo pubblico che privato

Gli unici spostamenti da e per l'estero consentiti sono per:
● COMPROVATE ESIGENZE LAVORATIVE
● ASSOLUTA URGENZA
● MOTIVI DI SALUTE
● RIENTRO DOMICILIO - ABITAZIONE - RESIDENZA

Dal 3 giugno 2020, gli spostamenti da e per l'estero potranno essere limitati con ulteriori provvedimenti in relazione a specifici stati o territori tenendo conto del rischio epidemiologico

Gli spostamenti tra:
● STATO DEL VATICANO
● REPUBBLICA DI SAN MARINO
e le regioni ad essi confinanti non sono soggetti ad alcuna limitazione.
(si intendono spostamenti all'interno della stessa regione)

Divieto assoluto di mobilità per le persone sottoposte a quarantena

 Divieto assoluto di assembramenti in:
● LUOGHI PUBBLICI
● LUOGHI APERTI AL PUBBLICO

Sempre garantendo il divieto di assembramento e la distanza di sicurezza di 1 metro potranno riprendere (in luogo pubblico o aperto al pubblico):
● MANIFESTAZIONI
● EVENTI O SPETTACOLI
● CONVEGNI
● CONGRESSI
● FUNZIONI RELIGIOSE

Fino al 31 luglio restano sospese le seguenti attività che dovranno continuare in modalità "da remoto":
● ATTIVITÀ DIDATTICHE
● ATTIVITÀ SCOLASTICHE
● UNIVERSITÀ
● ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE E COREUTICA
● CORSI PROFESSIONALI
● MASTER
● CORSI PROFESSIONALI SANITARI
● UNIVERSITÀ PER ANZIANI
● CORSI ORGANIZZATI DA ENTI PUBBLICI

 

ATTIVITÀ COMMERCIALI

- Per quanto riguarda gli ESERCIZI COMMERCIALI non rileva più la tipologia di attività, ma il RISPETTO DI PROTOCOLLI o LINEE GUIDA adottati dalle singole regioni o, in mancanza, a livello nazionale.

- quindi potranno riaprire tutte le attività commerciali! MA ATTENZIONE AL RISPETTO DELLE LINEE GUIDA FORNITE DALLE REGIONI CHE SI DIFFERENZIERANNO PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ.
- il principio cardine rimarrà sempre quello del divieto di assembramento e distanza di sicurezza!
- le regioni monitoreranno con cadenza giornaliera l'andamento della situazione epidemiologica.
Per questo motivo sarà sempre possibile introdurre misure ampliative o restrittive alle attività commerciali

SANZIONI

- Denuncia penale all'Autorità Giudiziaria (tranne nei casi previsti dall'art. 650 cp.)

- In tutti gli altri casi (compresi quelli di cui all'art. 650 cp.) sanzione amministrativa con pagamento in misura ridotta di € 400.

- Se commessa con l'utilizzo di un veicolo pagamento in misura ridotto di € 533,33

- Entrambe le infrazioni possono essere ridotte del 30% se pagate entro 30 gg. (fino al 31 luglio)

- Nel caso di illeciti commessi da esercenti attività commerciali, oltre la sanzione, è prevista la sospensione dell'attività da 5 a 30 gg.

I proventi delle sanzioni:
- andranno allo stato se violazioni ai decreti
- andranno alle regioni se violazioni di ordinanze regionali

Coloro che sono sottoposti a regime di quarantena e violano le limitazioni imposte, verranno denunciati all'Autorità Giudiziaria ai sensi dell'art. 260 del regio decreto 1265/34